fonter

COS’È FON.TER?

Fon.Ter è il Fondo Interprofessionale per la Formazione Continua dei dipendenti delle PMI. Si caratterizza per una presenza numerosa di micro e piccole imprese, sia dei settori del commercio, del turismo e del terziario, sia dei settori manifatturieri e di servizi alle imprese e alle persone.
Aderendo a Fon.Ter è possibile alle aziende ricevere finanziamenti per la formazione dei propri lavoratori ed accrescere così la propria competitività. Fon.Ter supporta le imprese e i lavoratori finanziando la realizzazione di percorsi di sviluppo delle competenze, in stretta relazione ai fabbisogni delle aziende aderenti, a sostegno della competitività, dell’innovazione e dell’occupazione di qualità.
Con Fon.Ter è possibile realizzare corsi su qualsiasi argomento o tematica di interesse delle aziende e dei lavoratori.

COME ADERIRE A FON.TER?

Per poter realizzare percorsi formativi gratuitamente, le aziende devono aderire a Fon.Ter. L’adesione può essere effettuata in ogni momento dell’anno, comunicandola all’INPS, tramite la procedura del flusso Uniemens, che ha sostituito il modello DM 10/2 telematico. Essa consente all’azienda di comunicare all’Inps sia I dati contributivi, sia quelli retributivi dei propri dipendenti.
Nella comunicazione è necessario indicare il numero dei dipendenti assoggettati al contributo dello 0,30, riportando il codice di adesione “FTUS”.In seguito, l’adesione s’intende tacitamente prorogata, fino all’eventuale revoca.

COME PASSARE A FON.TER DA UN ALTRO FONDO

L’azienda che sia attualmente iscritta ad un altro Fondo interprofessionale e che voglia passare al fondo Fon.Ter deve segnalare nel modello Uniemens la revoca al fondo precedente, scrivendo prima “REVO” e poi “FTUS”.
Cambiando fondo, l’azienda può trasferire al nuovo fondo il 70% del totale delle somme confluite al fondo precedente nell’ultimo triennio, al netto di quanto eventualmente già utilizzato per il finanziamento dei propri piani formativi.

QUANTO COSTA ADERIRE A FON.TER?

Aderire non costa nulla. Basta destinare a Fon.Ter una parte del contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria (che le imprese già versano comunque ogni mese all’INPS), comunicando tale adesione attraverso il modello Uniemens compilato mensilmente dal consulente del lavoro.